INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SUGLI EDIFICI (ECOBONUS)

La Finanziaria 2017 (art. 1, commi 2, Legge n. 232/2016), approvata lo scorso 11/12/2016 ha:

  • Prorogato fino al 31/12/2017 la detrazione spettante per gli interventi di riqualificazione energetica effettuati sulla “generalità degli edifici” nella misura del 65%;
  • Prorogato fino al 31/12/2021, apportando alcune modifiche, la detrazione spettante per gli interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il condominio.

INTERVENTI AGEVOLABILI

Per quanto riguarda la tipologia degli interventi agevolabili non si registrano modifiche rispetto a quanto previsto per il 2016, salvo che per alcune particolari tipologie di interventi sulle parti comuni condominiali.

Tipologia di intervento Detrazione massima Spesa massima in detrazione
Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori individuati dalle Tabelle allegate al Provvedimento 19.02.2007 e, dal 2008, al Decreto 11.03.2008. Tali interventi sono definiti sulla base della riduzione del fabbisogno annuo di energia primaria per la climatizzazione invernale dell’intero fabbricato. € 100.000,00 € 153.846,15
Interventi su edifici/parti di edifici/unità immobiliari esistenti, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali, finestre comprensive di infissi delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno o vani non riscaldati, nel rispetto di determinati requisiti di trasmittanza termica. € 60.000,00 € 92.307,69
Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali, per il fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, scuole e università. Sono esclusi i pannelli per la produzione di energia (fotovoltaici). € 60.000,00 € 92.307,69
Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con:

·         Impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione;

·         Impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia, dal 2008.

Sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria, rispettando i valori fissati dalle apposite Tabelle.

€ 30.000,00 € 46.153,85
Acquisto e posa in opera di schermature solari ex Allegato M, D.Lgs. n. 311/2006 € 60.000,00 € 92.307,69
Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati a biomasse combustibili. € 30.000,00 € 46.153,85
Acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative. 65% Non è previsto un limite massimo di spesa

 

INTERVENTI SU PARTI COMUNI

Il comma 2 in esame, oltre a disporre la proroga fino al 2021 della detrazione nella misura del 65% per gli interventi che interessano le parti comuni condominiali ovvero tutte le unità immobiliari del condominio, sulla spesa massima prevista a seconda della tipologia di intervento effettuato come sopra riportato, introduce il nuovo comma 2-quater ai sensi del quale, se gli interventi di riqualificazione energetica sulle parti comuni condominiali:

  • Interessano l’involucro dell’edificio con incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio stesso, la detrazione spetta nella misura del 70%;
  • Sono volti a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e consentono di conseguire almeno la qualità media di cui al DM 26.06.2015, detrazione spetta nella misura del 75%.

In tali casi, il citato comma 2-quater fissa la spesa massima ammessa in € 40.000 moltiplicato per il numero delle unità che compongono il condominio. Così ad esempio per un condominio costituito da 12 appartamenti la spesa massima agevolabile risulta pari ad € 480.000.

La sussistenza dei requisiti per poter fruire della detrazione nella maggior misura del 70% – 75% deve essere asseverata da un professionista abilitato mediante l’attestazione della prestazione energetica degli edifici di cui al citato DM 26.06.2015.

CESSIONE DEL CREDITO

La Finanziaria 2016 ha introdotto, a decorrere dal 01/01/2016, la possibilità di optare, in luogo della detrazione, per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno eseguito gli interventi agevolabili nel caso in cui i lavori riguardino parti comuni condominiali ed il soggetto che potrebbe fruire della detrazione sia un c.d. “soggetto incapiente” ai sensi degli artt. 11, comma 2 e 13, comma 1, lett. a) e comma 5, lett. a), TUIR.

Il comma 2 della Finanziaria 2017:

  • Proroga tale possibilità fino al 31.12.2017 con riferimento alla “generalità” degli interventi di riqualificazione energetica sulle parti comuni condominiali, a favore dei “soggetti incapienti”;
  • Introduce una nuova ipotesi di cessione del credito, applicabile dal 01/01/2017, con riferimento agli interventi di riqualificazione sulle parti comuni condominiali che, a decorrere dalla stessa data, consentono di fruire della detrazione nella maggior misura del 70% – 75%.

Quest’ultima possibilità di fruire del credito:

  • È fruibile da tutti i soggetti cui spetta la detrazione e non soltanto ai c.d. “soggetti incapienti”;
  • Consente di cedere il credito, oltre che ai fornitori, anche ad altri soggetti privati (diversi da istituti di credito e intermediari finanziari) con la facoltà di successiva cessione del credito.

In merito si rammenta che le modalità attuative per la cessione del credito da parte del c.d. “soggetti incapienti”, in vigore dal 01/01/2016 al 31/12/2017, sono desumibili dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 22.03.2016. Analogo Provvedimento dovrà essere adottato per definire la nuova fattispecie di cessione del credito applicabile a decorrere dal 01.01.2017.

 

Dottor Commercialista Marco Baù

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Precedente Legge di bilancio 2017: sisma bonus, bonus mobili, grandi elettrodomestici Successivo Maggioranze, obblighi, tempi e suddivisioni delle spese condominiali